Omofobi del mio stivale: la “staffetta” passa da Ricadi a Lecce

Schermata 2017-10-13 alle 07.49.03Venerdì 27 e sabato 28 ottobre a Lecce, in occasione del festival Conversazioni sul futuro, si terrà la seconda tappa di “Omofobi del mio stivale“. La manifestazione itinerante contro l’omofobia e per i diritti civili è nata da un’idea del linguista Massimo Arcangeli dopo la vicenda di due ragazzi gay discriminati dal titolare di una struttura poco “ricettiva” di Ricadi. E proprio dalla cittadina della provincia di Vibo Valentia è partita il 2 settembre questa “staffetta” che dopo Lecce proseguirà a Napoli e in altre regioni italiane. La vicenda dei due ragazzi, rilanciata da tutti i giornali, ha fatto il giro d’Europa (e non solo), e da allora i casi di discriminazione contro gli omosessuali (e i transessuali) si sono moltiplicati, dalla Campania alla Puglia (interessando anche San Foca, Marina di Melendugno) all’Emilia Romagna. Quel primo clamoroso caso è divenuto così il simbolo di un’estate negativa per i diritti Lgbti ma è stato al contempo un importante stimolo per chi, segnalando casi analoghi, ha dimostrato di voler reagire. L’evento leccese è promosso dall’associazione “La parola che non muore” e dal festival “Conversazioni sul futuro”, in collaborazione con Agedo Lecce, Arcigay Salento, Fermenti Lattici, Io come te, Lea – Liberamente e Apertamente, Rainbow Network, Salento Pride, Salento Rainbow Film Fest, Say Yes.

Venerdì 27 si partirà alle 18 alle Officine Culturali Ergot con La discriminazione verbale contro i gay. Come difendersi, come arginarla, come contrastarla con il linguista Massimo Arcangeli e l’attore, scrittore, conduttore radiofonico e televisivo Fabio Canino, che ha da poco pubblicato Rainbow Republic. Romanzo distopico gay (Mondadori). A seguire l’incontro “Altre direzioni: storie di ordinaria periferia” che prenderà spunto dall’omonimo volume di Enzo Brogi (già consigliere per i Diritti del Presidente della Regione Toscana e presidente del Corecom Toscana) e che coinvolgerà l’attore e regista Daniele Gattano e il giornalista e scrittore Fulvio Colucci.

Sabato 28 ottobre
(dalle 9.30 alle 12.30) al Teatro Paisiello dopo una introduzione del linguista Massimo Arcangeli interverranno l’assessora ai diritti del Comune di Lecce Silvia Miglietta e i sindaci di Melendugno, Marco Potì, e Gallipoli, Stefano Minerva. A seguire la testimonianza di Gennaro Casalino, uno dei due ragazzi discriminati a Ricadi che ha denunciato l’accaduto, e l’intervento della giurista Alessia Bausone, componente di Vox, l’osservatorio italiano sui diritti. La due giorni si concluderà con una tavola rotonda su “Idee e buone pratiche di attivismo LGBTQI sul territorio” moderata dal giornalista Danilo Lupo (La7). Associazioni, istituzioni e singoli cittadini e cittadine possono aderire inviando una mail a info@conversazionisulfuturo.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...