Barbara Carfagna

Giornalista e conduttrice Rai, realizza reportages per TV7 e Speciale tg1. Per Rai1 è autrice e conduttrice di Codice, trasmissione di seconda serata, e Infosfera, rubrica sul digitale.
Dal 1995 in Rai, inizia l’attività giornalistica nella redazione di Rai 2 L’Altra Edicola, formandosi televisivamente alla scuola Format di Giovanni Minoli, per cui lavorerà a Mixer. Nel 1998 è inviata di cronaca nella rubrica del TG1 Prima. Sotto la direzione di Albino Longhi passa a TV7 e Speciale TG1, seguendo i principali fatti di cronaca italiana e realizzando speciali in Etiopia, Niger (dove ha realizzato reportages sull’espansione dell’Islam fondamentalista), Nigeria (dove ha intervistato in esclusiva Safya, la donna condannata alla lapidazione per adulterio), Sudafrica, Cambogia (dove ha realizzato documentari storici e sul traffico di bambini) e Germania (sul neonazismo nell’ex Germania est). Per Rai Educational (oggi Rai Cultura) ha prodotto e realizzato reportages sulle colonie francesi in Africa. Ha collaborato con Unomattina nel periodo di conduzione di Monica Maggioni, Porta a Porta e Chi l’ha visto? nell’edizione condotta da Federica Sciarelli. Nel 2004 Clemente Mimun la porta nella redazione cronaca del TG1, dove la assume nel 2006. Segue le principali inchieste di cronaca nera e giudiziaria italiana e i misteri d’Italia. Gianni Riotta le affida la conduzione del TG1 e la rubrica Italia Italie da lei proposta sui temi dell’immigrazione. Lavora per le rubriche Tv7 e Speciale TG1, con particolare attenzione alla divulgazione scientifica, alla filosofia, politica e economia digitale. Ha iniziato nella carta stampata, dai giornali circoscrizionali La Quarta e Il Quirino, poi Il Giornale, L’Opinione, Diario, Sette del Corriere. Collabora con Italiana, Il Foglio, Panorama, Formiche su temi di politica, economia, società digitali. Ha realizzato servizi di economia e finanza sui fondi sovrani negli Emirati Arabi Uniti, cyberwar alla NATO di Bruxelles, politiche digitali e start up in Silicon Valley, Pittsburgh, Israele, Singapore, UAE, Giappone intervistando Accademici e ricercatori nei laboratori delle principali Università del mondo. Ha collaborato con le rubriche TG1 Storia e TG1 Dialogo, curate da Roberto Olla. Ha condotto per Rai 1 l’edizione 2013 del Premio Luchetta. È stata membro del consiglio direttivo del think tank Vedrò, segue l’attività di altri pensatoi italiani (Aspen, Formiche, Italiacamp). Modera ed è relatrice in numerosi convegni, istituzionali e non, su temi di scienza, religione, filosofia, economia, geopolitica, ICT, innovazione, difesa, in italiano, inglese e francese. Ha svolto attività concertistica e didattica come violinista in Italia e all’estero fino al 1995, seguendo corsi internazionali di perfezionamento di violino e collaborando con Persona TV diretta da Alberto Michelini e la Rai nelle trasmissioni di Pippo Baudo. Relatrice e docente ai corsi di formazione su digitale e cybersecurity per: dirigenti in aziende partecipate italiane; multinazionali americane; forze armate alla scuola di Chiavari, servizi segreti alla Link Campus University, Cyber e Politica all’Università di Tel Aviv e al corso LUISS per dirigenti della Pubblica Amministrazione. Dal 2017 è autrice e conduttrice per Rai 1 la trasmissione Codice, approfondimento sulle società digitali, il web, la tecnologia.


Sabato 28 ottobre
ore 19 > 20.30 – Officine Ergot
Far Web. Odio, bufale, bullismo. Il lato oscuro dei social (Rizzoli)
con l’autore Matteo Grandi (giornalista, autore televisivo e scrittore),Dino Amenduni (consulente di comunicazione politica), Massimo Mantellini (blogger), Barbara Carfagna (Tg1).